venerdì 31 gennaio 2014

Buon venerdì... da rinco!

Da una finestra di Villa Manin a Passariano


Una vecchietta chiama i carabinieri perché il suo vicino fa ginnastica completamente nudo.
- Lo vede? È completamente nudo!
- Però, signora, si vede solo fino alla vita.
- Sì, da qui… ma provi a salire sull’armadio!


Doveva essere un venerdì impegnativo al lavoro, già lo sapevo, ma quello che non avevo immaginato è che io, ad un certo punto, sarei diventata talmente rinco da non trovare più il cellulare e di cercarlo disperatamente per un po' prima di accorgermi che ce l'avevo attaccato all'orecchio!!!

Ho bisogno di ferie.


martedì 28 gennaio 2014

Indovinello vero!




Qualche volta penso di essere fuori dal mondo. 
Ieri notte me ne stavo là a letto a leggere beatamente una rivista quando ho appreso dell'esistenza di varie marche dell'aggeggio della foto, che ha però un solo utilizzo.

Sapete cos'è?

giovedì 23 gennaio 2014

Vicenza


"Ciascuno vede ciò che si porta nel cuore" diceva Johann Wolfang Goethe e questa volta porto nel cuore una splendida città.
Grazie al FAI - delegazione di Venezia, qualche settimana fa ho partecipato ad una gita organizzata per la visita di Vicenza. L'età media dei partecipanti era molto alta ma in fondo mi sto abituando con largo anticipo alle attività che farò da pensionata, se mai andrò in pensione!

Palazzo Thiene

Vicenza è davvero splendida e se non fosse stato per la nebbia tremenda che non ci ha lasciato quasi mai, avrei potuto godermela di più!

Fantastiche le vestigia palladiane come la Basilica in Piazza dei Signori, Palazzo Thiene (ingresso gratuito! e ti regalano persino i segnalibri!), la pinacoteca di Palazzo Chiericati ed il meraviglioso teatro olimpico.

Dalla terrazza della basilica palladiana
Sempre dalla terrazza si notano altri palazzi su cui Palladio intervenne
Piazza dei Signori


Ovunque s'incontrano bellissimi palazzi
Di una cosa sono assolutamente certa: qui ci ritornerò presto per la mostra "Verso Monet: storia del paesaggio dal '600 al '900" che si terrà dal 22 febbraio al 4 maggio 2014. E anche per visitare ancora questa splendida città.


L'ultima foto rappresenta la scena del Teatro Olimpico. 
Visitarlo è un'emozione che non si può descrivere.

martedì 21 gennaio 2014

Ma come si fa?


Leggo questa notizia Ansa:
"Proprietaria di 1.243 immobili, quasi tutti nella Capitale, ha "nascosto" al Fisco oltre 2 miliardi di euro, un tesoro sparso in numerosi conti esteri. Per questo Angiola Armellini, erede della celebre famiglia di imprenditori romani, è stata denunciata dalla Guardia di Finanza insieme con altre 11 persone, tutte accusate di associazione a delinquere finalizzata all'evasione fiscale."

Ma porca miseria!
Ma che cavolo fanno tutto il giorno quelli dell'Ufficio Tributi del Comune di Roma?
Dormono?

sabato 18 gennaio 2014

Indovina che lettea manca



Tempo fa se n'è occupato anche Report, trasmissione interessantissima ma che ti fa girare le scatole a mille. 
Gli acquisti Consip, obbligatori per le Pubbliche Amministrazioni, possono rivelarsi delle fregature per la scarsa qualità dei prodotti venduti e per il loro costo a volte eccessivo rispetto al libero mercato.
Questa settimana sono riuscita ad avere un computer nuovo, monitor e tutti gli altri accessori inclusi, derivante da un acquisto Consip.
Già nel primo giorno d'uso mi sono accorta che la tastiera non prendeva la lettera A tranne quando la battevo come se fossi una matta.
Al terzo giorno la tastiera mi è stata sostituita con una nuova della stessa fornitura.
Dopo un giorno di utilizzo, un po' ridendo e scherzando e un po' imprecando, ho dovuto segnalare che una nuova lettera non funzionava bene.
Questa l'email per il responsabile del Ced:

"Ciao Gabiele,
come già elazionato vebalmente ai agazzi del CED ti segnalo che nella nuova tastiea che mi avete cotesemente installato iei, un tasto non funziona.
Anche se spingo fote fote la lettea non compae ed alloa le paole sono tutte sbagliate.
Meda meda meda.
Indovina che lettea manca."

Anche questa tastiera è stata prontamente sostituita, tra risate a non finire per la simpatica segnalazione.

mercoledì 15 gennaio 2014

Il mio capo mi tratta come se fossi un uomo


Qualche giorno fa il mio capo (un bel manzo mio coetaneo) ha iniziato a parlarmi molto apertamente di alcune questioni sia lavorative che dell'ambiente di lavoro, in particolare dei colleghi. 
Vista la sua disinvoltura nell'utilizzare un certo linguaggio ad un certo punto l'ho interrotto. 

- "Guarda che mi stai parlando come se fossi un maschio!"
- "Sì, lo so."
- "Come se fossi un tuo compagno di bevute!"
- "Sì, lo so. Ma è che conosco poche donne intelligenti..."
- "Sei proprio un maschilista. Non so se prenderlo come un complimento... "
- "Ha ha ha..."


martedì 14 gennaio 2014

Ce l'avete il leva pelucchi?


Anni fa mi fece l'aver trovato in una lista nozze il leva pelucchi mi incuriosì e lo feci notare all'amico che si sposava. Mi spiegò che gli serviva proprio e ne approfittava per inserirlo tra i regali.
A dire il vero non possedendone uno, non mi ero mai interrogata sulla reale utilità dello strumento, adesso che sono felice proprietaria del leva pelucchi lo ritengo un acquisto fantastico.
Mi è venuto in mente l'episodio lista nozze quando giorni fa ho ricevuto la seguente email dal Maglificio Mazzonetto, il cui spaccio aziendale in quel di Fossalta di Piave è da me frequentato di tanto in tanto (posto rusticissimo con commesse ancor più rustiche) nella quale vengono dati alcuni consigli per il mantenimento dei capi.


"Per pilling si intende quel processo fisico che può avvenire sulla superficie del capo e che porta alla formazione di piccole sfere irregolari di fibre chiamate "pills" (batuffoli di peli sulla maglia).
All'origine della formazione del pilling vi sono delle sollecitazioni meccaniche ripetute di sfregamento, pressione dall'esterno e attrito tra le fibre corte del filato e non è da considerarsi segno di minore qualità del filato utilizzato.
Tuttavia una buona manutenzione, cura ed accortezza nell'uso del capo possono prevenirne la formazione, basta non indossare il capo più volte di seguito, ma concedergli un riposo di almeno 24 ore tra un indosso e l'altro. 
Si consiglia la rimozione delle eventuali "pills" mediante l'utilizzo di apposite spazzole.
A fine stagione lavare e riporre i capi ben asciutti in un sacco/custodia e conservarli in un luogo fresco ed asciutto."

La pausa-indosso, per esempio, non pensavo fosse una misura anti-pilling. 

Concludo citando Pierre Cardin, stilista nato ad appena 9 km di distanza dal maglificio di cui sopra...
"Ho chiesto a me stesso: perché solo i ricchi possono accedere alla moda esclusiva? Perché non possono farlo anche l’uomo o la donna della strada? Io potevo cambiare questa regola. E l’ho fatto."

venerdì 10 gennaio 2014

Anche questa storia è finita


Alcune delle più incredibili storie d’amore hanno avuto un protagonista solo.

Wilson Mizner


La mia amica M., dopo 4 anni di convivenza con il cavernicolo, rischia di ritrovarsi da sola.
Motivo? Troppi litigi. Se uno è calmo e tranquillo, l'altro è nervoso e irritabile. Quando ad uno passa, all'altro scoppiano le paturnie. Pare, quindi, che da mesi non ci sia un attimo di respiro e di equilibrio.
Per me, la loro storia era già finita ancora prima di iniziare.

La mia amica però non è capace di stare senza un uomo. Questo l'ha sempre condizionata e portata a trascinare relazioni finite e deludenti. Anche questa volta non si comporterà diversamente, a differenza di quanto farei io.

Dovrò mettere a disposizione il divano del pianto a casa mia.


P.s.: Se non ricordo male l'anno scorso mi avevano invitato al loro matrimonio ed io avrei dovuto farle da testimone...

martedì 7 gennaio 2014

Pensiero pre-lavorativo


"Quello che so a sessant’anni lo sapevo anche a venti. Quindi quarant’anni di una lunga, evitabile verifica."


Emile Cioran

mercoledì 1 gennaio 2014

Iniziamo questo 2014 con un sorriso...


Un dipendente comunale muore e va in paradiso. Gira e rigira comincia ad annoiarsi e cerca un altro dipendente comunale con cui passare il tempo e fare due chiacchiere di argomenti comuni. Non ne trova e va da San Pietro.
"San Pietro scusi, mi annoio e cerco un dipendente comunale come me per fare due parole, per passare il tempo, ma qui in paradiso non ne trovo..."
E San Pietro: "Qui non ce ne sono, prova giù in purgatorio."
Così scende giù, va avanti e indietro, cerca a destra e a manca ma di impiegati comunali neanche l'ombra. Gli suggeriscono di scendere all'inferno e di chiedere a Lucifero che tutto sa.
Così scende anche all'inferno e chiede a Lucifero se lì ci sono dipendenti comunali con cui fare due chiacchiere...
E Lucifero dopo aver pensato un po' gli risponde: "No, qua non ce ne sono proprio. Però perché non provi a cercare al piano di sotto dove ci sono le macchinette del caffè?"

Me l'hanno raccontata come barzelletta con protagonisti dipendenti comunali, ma non sono mica sicura che si tratti proprio di dipendenti comunali!