venerdì 30 novembre 2012

Marisa la stalker colpisce ancora!



Marisa la stalker colpisce ancora!
No, non continua l'opera di invio dissennato di cartoline, ma fa di meglio, molto meglio.

Ricordate la storia?
È stata mia compagna di crociera e aveva da 4 giorni iniziato la sua storia col nuovo moroso, conosciuto solo la settimana precedente. Quindi una coppia nata il 10.10.2012.

Che succede adesso?
Domani i due andranno a convivere! Hanno già trovato ed affittato un appartamento che in questi giorni hanno allestito a loro piacimento e tutto ciò dopo un mese e poco più di frequentazione.
Ma non vi sembra incredibile?

Di certo sono state bruciate tutte le tappe a tempo di record; al suo posto mi sarei dedicata più a lungo a conoscere la persona con cui sto da così poco, ma si sa, io sono una vecchiaccia diffidente.

Non è che per caso, superati i 30 o 40, le cose si fanno o subito o niente?


giovedì 29 novembre 2012

Cinquanta...

Oggi è stata più pesante del solito...
Ci sta quindi una risata a quest'ora, giusto per chiudere in bellezza una giornata trascorsa in bruttezza.



De fashion blogger



A proposito di blog e blogger... l'avete letta la notizia della fashion blogger arrestata per furto di abiti?
Olivia Alexandra Clenin, l'incriminata, avrebbe sottratto capi di abbigliamento femminile di diverse marche del valore di circa 60mila euro alla società che si occupa di sfilate di moda e servizi fotografici per riviste specializzate, con cui lei collaborava. Sembra poi che i capi venissero venduti tramite il suo blog spacciandoli per propri e mai usati.
Il blog è lì, potete anche curiosare.

Tempo fa mi capitò di leggere una specie di indagine sui guadagni delle fashion blogger e di coloro che nel loro blog recensiscono prodotti vari (c'è un termine inglese per definirli che adesso mi sfugge). 
Eh, non se la passano mica male!
Ricevono merce gratis e pagamenti per mostrare i capi e gli accessori nei loro post, senza contare i compensi per le loro comparsate. Si tratta di migliaia di euro al mese!
Non tutti/e guadagnano tanto, ovviamente, ma i più seguiti blog hanno buone entrate.


Come disse Coco Chanel... 

L’eleganza non consiste nell’indossare un vestito nuovo.

ed Yves Saint Laurent...  
Non dobbiamo mai confondere l’eleganza con l’essere snob.


Perle di saggezza!


martedì 27 novembre 2012

Schifiltà



Che ne dite di questo allestimento Ikea?

La pelle di pecora del costo di € 37,99 a mio avviso è una schifiltà.

 
P.s. Nel vocabolario della lingua italiana il termine schifiltà esiste e significa ripugnanza per qualcuno o qualcosa; ritrosia eccessiva.



domenica 25 novembre 2012

Un cuore



Un cuore è una ricchezza che non si vende e non si compra: si dona.

Gustav Flaubert

venerdì 23 novembre 2012

Anch'io come i nobili di un tempo...


Nelle vecchie dimore patrizie dove ancora sono conservati i mobili d'epoca, i letti sembrano molto più piccoli di quello che ci si aspetterebbe in stanze così spaziose. 
Sicuramente un tempo erano più bassi di statura (ecco io sono donna d'altri tempi!) ma mangiavano anche molto e quindi dormire da seduti consentiva con più facilità la digestione. 
Senza contare che tale posizione, secondo le credenze dei nobili, esorcizzava il pensiero della morte, visto che sdraiati riposavano soltanto i defunti.

 


Anch'io come i nobili di un tempo dormo da seduta ma senza letto a baldacchino!

Non c'è altra soluzione per combattere il raffreddore che ancora mi affligge. 


mercoledì 21 novembre 2012

Abiti tossici. Cosa indossiamo?

Linea BeatriceB con sede a Piombino Dese (PD) made in italy al 100%


Avete letto sul sito di Greenpeace i risultati delle analisi chimiche effettuate su 141 capi d'abbigliamento dei sottoelencati marchi?

Zara
Benetton
Jack & Jones
Only
Vero Moda
Blažek
C & A
Diesel
Esprit
Gap
Armani
H&M
Levi
Victoria 's Secret
Mango
Marks & Spencer
Metersbonwe
Calvin Klein
Tommy Hilfinger
Vancl

Alcuni capi sono risultati contaminati da sostanze pericolose (alchilfenoli, ftalati e nonilfenoli etossilati) vietate in Europa ma largamente utilizzate nei paesi di produzione della maggior parte dell'abbigliamento mondiale, nei quali l'industria tessile è la principale fonte d'inquinamento soprattutto delle acque (Cina, Bangladesh, India, ecc.).

Rivela sempre Greenpeace che per questa ragione in Cina il più grande fornitore di manufatti tessili anche per le grandi firme occidentali, un terzo della popolazione non ha accesso all’acqua potabile.

Le sostanze rinvenute negli abiti possono alterare il sistema ormonale dell’uomo e, in alcuni casi, se rilasciate nell’ambiente, possono diventare cancerogene.

Indossarli non credo ci faccia troppo bene e neppure lavarli e scaricare le acque nell'ambiente.

Io a queste cose ci penso e di alcuni marchi ho da tempo scarsa fiducia, H&M in testa.
E adesso come la mettiamo?
Ci pensiamo su qualche secondo in più prima di comprare un made in China, Bangladesh, ecc.?

martedì 20 novembre 2012

Altri pensieri


Ciclicamente finisce nella cassetta della posta il solito biglietto giallo con scritto:


In sovrappeso?
Cerchiamo persone seriamente interessate a perdere i kg di troppo.

Per info 340 9634253


Se qualcuno è interessato chiami pure!
Io ho altri pensieri in testa...


 
 

domenica 18 novembre 2012

Penso spesso che...


Penso spesso che se tutte le case e le strade avessero un aspetto gradevole e ordinato e nobile, la gente sarebbe necessariamente gentile e amabile.
Hermann Hesse



venerdì 16 novembre 2012

L'opinione pubblica



Da Una voce di notte di Andrea Camilleri:

"Le tri maggiori tilevisioni private sunno di propietà del capo del partito di maggioranza e dù riti della tilevisioni di Stato hanno a capo òmini scigliuti dal capo del partito della maggioranza. Eccoti come si forma la tò bella opinioni pubblica!"
"Ma la mia tilevisioni non è..."
"La tò tilevisioni è una delle poche eccezioni, è veramenti 'na voci libbira. E allura io ti dimanno: quanti sunno i tò ascoltatori rispetto a quelli di "Televigàta"? Un decimo? Un vintesimo? L'italiani non amano sintiri le voci libbiri, le virità disturbano il loro ciriveddro in sonnolenza perenni, preferiscino le voci che non gli danno problemi, che li rassicurano sulla loro appartinenza al gregge".

Dialogo tra il Commissario Montalbano ed il giornalista Niccolò Zito.

giovedì 15 novembre 2012

Senza titolo


Il tempo e la pazienza possono più della forza o della rabbia.
Jean de la Bruyère


La mia pazienza cala progressivamente con l'aumento degli anni sul groppone e perciò più di un vaffa alla settimana mi scappa.
Sarà il caso di preoccuparsi?


La faccenda è questa. 
Recentemente mio papà si è ritrovato in un'occasione festaiola allo stesso tavolo con un mio ex compagno di liceo, ora avvocato.
Riconosciutisi a distanza di parecchi anni hanno cominciato a parlare, anche di me e il tizio ha chiesto a mio papà di salutarmi tanto.
Quando mi è stato riferito mi è scappato un vaffa. 
Eh sì perché questo ex compagno di liceo io lo incontro di tanto in tanto anche al lavoro e fa di tutto per evitare di salutarmi: accelera il passo o cambia strada, gira la testa facendo finta di non vedermi, abbassa gli occhi e cerca qualcosa nella valigetta, ecc.
Il fatto, quindi, che mi mandi a salutare è davvero incomprensibile. Sicuramente per educazione visto che si rivolgeva a mio papà, ma non per coerenza visto il comportamento normale che tiene nei miei confronti.

Non è una grande cultura che fa l’uomo, ma la sua educazione alla vita reale.
Gandhi


Mi sa che Gandhi ha ragione, non è la cultura a fare l'uomo...

mercoledì 14 novembre 2012

Boccheggio


Quattro vegetali sono indispensabili per la salute dell'uomo: il frumento, la vite, l'ulivo e l'aloe. Il primo lo nutre, il secondo ne rinfranca lo spirito, il terzo gli reca l'armonia, il quarto lo guarisce.

Cristoforo Colombo


Dopo un week end con febbre e mal di gola mi è arrivato un raffreddore terribile e ho il naso tappato. 
Tutti i rimedi della nonna, del nonno, degli zii e della perpetua sono già stati esperiti.
Continuo a boccheggiare come un pesce!


 

lunedì 12 novembre 2012

Attenti a Facebook




Dal sito www.aidp.it
Attenti a Facebook
di Massimo Lolli
L'addetto alla selezione del personale prende svogliatamente il curriculum dalla pila sulla scrivania. Uno dei mille. Via via che visiona il cv il suo umore cambia. Questa candidata è outstanding pensa. Brillante studentessa, multilingue, membra del MENSA - l'associazione degli alti quozienti intellettuali -, carriera qualificata e veloce. Rincuorato passa le mani dal cv alla tastiera ed entra su Facebook. Gli appare l'immagine di una bellezza in bikini, tipo Ursula Andress in Licenza di Uccidere. "Quando posso, evito di indossare l'intimo. Mi dà una sensazione di libertà" scrive la candidata nella sua homepage. 
Il selezionatore cestina il cv e fa una richiesta di amicizia.

L'articolo continua ponendo l'attenzione sul fatto che chi si occupa di ricerca di personale può fare un giro sui social network per capire che tipo è la persona che ha inviato un cv o che gli è stata segnalata.  

Confesso che a volte pure io sbircio su fb per "vedere" com'è chi si propone o chi si relaziona con me e spesso le persone perdono tutti i punti guadagnati a pelle o in altro modo. Ad esempio un assessore ubriaco e con amici "equivoci" non fa di certo una bella figura!

La mia è solo una riflessione informatico-tecnologica...



sabato 10 novembre 2012

Marisa la stalker



In passato, soprattutto nelle repubbliche marinare di Venezia e Genova, con il termine "pittima" veniva definita la persona pagata da un creditore per seguire costantemente i propri debitori e ricordare loro che dovevano saldare il debito. 
La pittima vestiva di rosso e poteva anche gridare davanti a tutti per far vergognare il debitore, il quale non poteva in alcun modo nuocere alla pittima pena una condanna.
Era una specie di stalker legalizzato insomma.
Adesso con pittima s'indica, invece, un soggetto che si lamenta in continuazione.

Tutta sta premessa folkloristica per raccontarvi le avventure della mia compagna di viaggio in crociera, che si è trasformata in una persecutrice del moroso con cui stava da 4 giorni.
Una relazione così "fresca" doveva per forza essere coronata da un'idea un po' retrò: quella di spedire una cartolina all'uomo in questione.
Arrivati a Palermo la mia amica decide di comprare delle cartoline e di scegliere la più bella da inviare al moroso. Non vi dico la corsa per trovare qualcuno che vendesse francobolli, la buca per infilare sta cartolina, la corsa per ritornare al bus che nel frattempo era sparito... 'na gran camurria!
Dovevo essere proprio rinco perché solo alla fine di questa corsa, ormai senza fiato e disidratata, mi è venuta in mente una cosa... 
Marisa, ma che cxxxo fai? Mandi una cartolina da Palermo ad un palermitano?

Ha ha ha... non ci avevo pensato. Gliene invierò un'altra da Palma.

Anche no!

Ma la stessa scena di corse e ricerche si è svolta sia a Palma che a Valencia e stava per cominciare pure ad Aix en Provence!
Le ho detto... Adesso basta con ste cartoline! Ma hai pensato al fatto che le riceve sua mamma? Penserà che il figlio ha una stalker che lo perseguita da tutto il Mediterraneo! E visto che vi conoscete da pochissimo potrebbe pensarlo anche lui!

Ha ha ha... Minchia! Mischina sono!

E ciò!

mercoledì 7 novembre 2012

Ah, l'amore!



È già una felicità poter amare, anche quando ad amare si è soli.

Thèophile Gautier



Ricevere un sms da un'amica innamorata che ti scrive... Sono la persona più felice del mondo! non ha prezzo.

Ah, l'amore!

sabato 3 novembre 2012

La preparazione

Villa Torrigiani - Capannori (Lucca)

"Sono nuda", ribadì fra sé, come a volersene convincere. Dapprima diede la colpa al vino. Ma poi si rese conto che non sarebbe stato sufficiente come capro espiatorio. Chi voleva prendere in giro? Le donne non fanno mai l'amore a caso, si disse. Gli uomini sono così: si trovano davanti a un'occasione e si buttano. Le donne hanno bisogno di preparazione. Vogliono essere lisce da toccare, avere un buon odore. Anche quando sembra che si stiano lanciando nell'avventura di una notte, in realtà l'hanno programmato.


Donato Carrisi Il tribunale delle anime


E finisce per essere tutta una questione di mal di testa...

giovedì 1 novembre 2012

Quando la Vita ti stupisce

Al di là di un cancello
 
La Vita non è uno spettacolo muto o in bianco e nero. È un arcobaleno inesauribile di colori, un concerto interminabile di rumori, un caos fantasmagorico di voci e di volti, di creature le cui azioni si intrecciano o si sovrappongono per tessere la catena di eventi che determinano il nostro personale destino.

Oriana Fallaci


La mia amica Marisa si è trovata finalmente il moroso e sembra anche un tizio normale.
La mia amica Michela ha ricevuto la proposta di matrimonio dal Cavernicolo e mi ha designata come testimone.

Che bello! La Vita degli altri mi stupisce ogni giorno di più...
E per me niente sorprese?