venerdì 29 ottobre 2010

Nessuno sa più come si scrive?


Decidi?

Questa locandina è emblematica.

Povera lingua italiana... povero congiuntivo...

Non ci sono parole.

giovedì 28 ottobre 2010

Giugno 2011



Ehm...
Diventerò zia.


Foto: il ciuccio consegnatomi da mio fratello e la moglie ieri sera come "avvertimento"

martedì 26 ottobre 2010

Ufficio


Nessun problema può essere risolto congelandolo.


Winston Churchill


Oggi vado in ufficio carica.
Mi sa che qualcuno si prende un cazziatone, specie di capa compresa.
Ne ho le palle piene di risolvere i problemi agli altri. Facciamo che chi prende di più risolve le magagne?
A volte è proprio una questione di soldi e quindi puntiamo su questi. Visto che la mia specie di capa ne prende molti, ma molti più di me, adesso è il momento di dimostrare che li vale tutti.
Sì, sono incazzata.


domenica 24 ottobre 2010

Letture amene


Ho fatto una scoperta sensazionale! La sua straordinarietà sta nel fatto che IO me ne sono accorta, in un barlume di lucidità mattutina.

Una marca di assorbenti esterni femminili ha inventato una confezione contenente il singolo coso (in materiale plastico leggero) tappezzata di frasi alquanto interessanti:

  • Un falso antico pregiudizio dice che durante il ciclo occorre evitare di lavarsi i capelli.
  • Lo sai che mangiare frutta e cibi integrali aiuta a combattere la stitichezza che colpisce molte donne durante il ciclo?
  • Lo sai che una tisana a base di erbe, come ad esempio la calendula, è un buon rimedio naturale contro la ritenzione idrica?
  • Nella fase premestruale si possono manifestare anche effetti positivi come l'aumento del desiderio sessuale e della creatività.
  • Durante il ciclo mestruale è preferibile non eccedere nel consumo di latticini.
  • Lo sai che il cioccolato stimola la produzione di serotonina, l'ormone della felicità, carente durante il ciclo?

Beh, intanto che si maneggia sti cosi, se si ha un pò di tempo, ci si può dilettare in letture amene...

giovedì 21 ottobre 2010

Una figura di cacca


Credo che i progettisti di strade, marciapiedi, attraversamenti pedonali, ingressi di luoghi pubblici, siano tutti maschi.
Non si spiegherebbe altrimenti l'uso smodato dei sanpietrini. Belli, caratteristici, di antica memoria ma tra una piastrella e l'altra gli spazi non sono cementati.
Liberi insomma di attentare alle caviglie delle povere disgraziate come me, che, per guadagnare qualche centimetro in altezza, portano sempre i tacchi!

Tutta sta premessa per dire che ieri, uscita da una casa di cura il cui ingresso è stato di recente piastrellato con sti famosi sanpietrini, mi si è incastrato un tacco e mi sono trovata col piede ad almeno 50 cm dalla scarpa rimasta indietro...

Il tutto ovviamente davanti ad un pubblico numeroso che si è goduto la scena di me col piede in avanti e la scarpa dietro, che stramaledicevo il progettista di sto pavimento e tentavo, barcollante sull'altro piede, di sganciare la scarpa incastrata con la mano.

Una bella figura di cacca, non c'è che dire. Alla fine mi sono messa a ridere pure io.

martedì 19 ottobre 2010

Qualche domanda per approfondire un pò



Sono stata "nominata" dal Cavaliere oscuro del web per questa Staffetta dell'Amicizia... e con grande difficoltà devo cercare di ricordare cose perse nel tempo.

Queste le domande:

1- quando da piccoli vi veniva chiesto cosa volevate fare da grandi, cosa rispondevate? 2- quali erano i vostri cartoni animati preferiti?
3- quali erano i vostri giochi preferiti?
4- qual è stato il vostro più bel compleanno e perchè?
5- quali sono le cose che volevate assolutamente fare e non avete ancora fatto?
6- qual è stata la vostra prima passione sportiva o non?
7- qual è stato il vostro primo idolo musicale?
8- qual è stata la cosa più bella chiesta (ed eventualmente ricevuta) a Babbo Natale, Gesù Bambino, Santa Lucia?


1- Non me lo ricordo. Vista l'altezza credo di aver detto di voler fare la modella e così la natura ha deciso di tarparmi le ali.
2- Candy Candy!
3- Le Barbie.
4- Penso il nono o decimo compleanno, avevo una bellissima camicia bianca con le maniche corte a sbuffo e una gonna azzurra con una balza bianca in fondo. Era estate e ho invitato a sorpresa i compagni di classe.
5- La mia vita spero sia ancora lunga... molto lunga. Ne ho centinaia di cose da fare!
6- Ho fatto nuoto, ma avrei voluto fare pallavolo.
7- Madonna.
8- Non mi ricordo proprio, di solito ricevevo quel che desideravo, ma non sono mai stata una bambina che pretendeva troppo.

Foto: il Mar Adriatico visto da Montescudo

venerdì 15 ottobre 2010

Un sorriso per il week end



In un ospizio, un vecchietto si avvicina a una vecchietta:
- Guarda qui, Gina, che roba!
Dice l'anziano alla donna, mostrando una protuberanza sotto i pantaloni.
L'anziana, un pò titubante, ma anche un pò divertita, tocca la patta:
- Santo cielo Adriano, ma è durissimo! Cos'è il Viagra?
- Sì... il tubetto...


mercoledì 13 ottobre 2010

Di passaggio a Bentivoglio




Bentivoglio: proprietà di Giovanni II Bentivoglio, "Signore" di Bologna che nel 1480 diede inizio ai lavori di allargamento di una rocca preesistente per costruire un castello, luogo di svaghi e di ozio.
Le proprietà di Giovanni II, dislocate nella bassa pianura bolognese nascono dall'attenzione per il reinvestimento dei capitali, derivanti da altre fonti, in beni fondiari, nonché dalla passione per luoghi bucolici in cui trascorre piacevoli ore di svago e di intrattenimento degli ospiti in feste, banchetti e cacce, fuori dagli impegni e dagli intrighi del gioco politico cittadino.


Secondo una leggenda inventata nel 1931 da un tale Augusto Majani (illustratore e umorista bolognese), le tagliatelle sarebbero state create per la prima volta nel 1497 da Mastro Zefirano, cuoco di Giovanni II, in occasione del passaggio al castello di Lucrezia Borgia, diretta a Ferrara per sposare il Duca di quella città (Alfonso I d'Este).
Il cuoco sarebbe dunque stato ispirato dai biondi capelli di Lucrezia.



Il castello è in fase di ristrutturazione e ne ha davvero bisogno!



Di fronte al castello c'è un pregevole palazzo, ora sede della Biblioteca Comunale e di altre attività.
Nelle foto: particolare del ponticello d'ingresso e della parte sinistra dell'edificio che presenta alcuni affreschi in cattivo stato di conservazione.




lunedì 11 ottobre 2010

Un libro



Sto leggento un bellissimo libro Acciao di Silvia Avallone.

La storia di Anna e Francesca, che crescono nella degradata realtà di via Stalingrado, periferico ammasso di casermoni, con vista Isola d'Elba, all'ombra delle ciminiere che producono acciaio a Piombino.
Una vita dura, con poche speranze all'orizzonte, dove l'amore spesso è sopraffazione e miseria.

Anna sedeva al tavolo di cucina, era un giorno qualsiasi di febbraio. Il quaderno spalancato e il dizionario di latino davanti. Aveva come un tarlo, dentro. Cercava le parole senza cercarle. E il tempo non passava mai.
Non si amano le parole, non ti cambiano. Le parole non aggiustano le cose.
Anna si annoiava. Era la prima volta. Il fatto è che non era mai rimasta sola così a lungo, a guardare le cose inerti intorno, come le cose sono morte nel presente che se ne frega di te e delle tue rogne.


sabato 9 ottobre 2010

Desideri


Se potessi rivederti fra un anno, farei tanti gomitoli dei mesi.
Se l'attesa fosse soltanto di secoli li conterei sulla mano.
E se sapessi che finita questa vita la mia e la tua proseguiranno insieme, getterei la mia come inutile scorza e sceglierei con te l'eternità.


Emily Dickinson

Una serata romantica...

giovedì 7 ottobre 2010

Distrazioni


Così come si provocano o si esagerano i dolori dando loro importanza, nello stesso modo questi scompaiono quando se ne distoglie l'attenzione.
Sigmund Freud


martedì 5 ottobre 2010

Gita fuori fuori fuori porta




Per chi non lo conoscesse, vi presento il borgo (qualificato uno dei più belli d'Italia) di Dozza (BO) a pochi km da Imola.
Arroccato su una collina, è dominato ad un'estremità da un bellissimo e curato castello, nelle cui vecchie cantine interrate sorge ora l'enoteca regionale (entrata libera).
La varietà di vini è davvero notevole e i vini sono in vendita a prezzi contenuti.
Le case di questo piccolo borgo hanno inoltre le pareti decorate da artisti provenienti da tutto il mondo; sembra una galleria d'arte all'aperto.
Molto suggestivo. Si passeggia lentamente per ammirare le immagini che si susseguono.
Ci si può fermare per un pranzo o la cena nei ristoranti che si affacciano sulla piazza del castello o lungo le strette vie, oppure, come nel mio caso, per un aperitivo vista "ponte levatoio".

Queste le mie foto:


venerdì 1 ottobre 2010

Per fortuna sta settimana è quasi finita



Una settimana da incubo.
Unica nota positiva l'aver provato una lezione di yoga per la prima volta...

Al lavoro sono circondata da imbecilli... c'è un antidoto per salvarsi dagli imbecilli?
Anche quelli che sono apparentemente normali si comportano da imbecilli.
Da non credere.