martedì 25 novembre 2008

Passare sopra... la vita è fatta di tanti elementi...



L'arte di essere saggi è l'arte di capire a che cosa si può passar sopra.


William James


Si può passar sopra a tante cose.

I problemi di lavoro per esempio... gli insignificanti fastidi della quotidianità, le cose che non girano come vorremmo...

Invece alle emozioni, alle delusioni, ai sentimenti negati, al dolore, alla malattia... a questi elementi non si dovrebbe passare sopra...
E voi, a che cosa riuscite a passare sopra?

domenica 23 novembre 2008

Un incidente...



A volte capita di arrivare alla fine di una giornata e chiedersi se il bilancio lo si può considerare positivo oppure no.

A me è capitato stasera di pensare che nonostante siano avvenute cose assolutamente piacevoli, c'è stato un episodio che ha incrinato ogni pensiero.

Oggi ho fatto un incidente, anzi ho subito un tamponamento sulla parte anteriore, da parte di un vicino di casa in retromarcia lungo la via principale.

Sì constatazione abbastanza amichevole.

Ma io avrei voluto semplicemente picchiarlo.

giovedì 20 novembre 2008

Un dono




Non guardare il valore estrinseco del dono, ma guarda sempre gli occhi di colui che te lo porge: talvolta un semplice fiore può essere più prezioso di un diamante.

lunedì 17 novembre 2008

A volte si rivedono...



Lunedì scorso ho partecipato in veste di vigilante ad un concorso pubblico.

Tra i numerosi candidati c'era un ragazzo che non vedevo da almeno 15 anni e che è stato un mio flirt.

Non mi ha fatto alcun effetto incontrarlo, mentre nel suo caso il rossore sul viso e la difficoltà ad esprimersi denotava un certo imbarazzo.

Mi è venuto da ridere.

Dove cavolo era finito il figo con i capelli lunghi che si permetteva di fare l'uomo che non deve chiedere mai?

Perso negli anni e nelle vicende della vita?

In fondo mi aveva tradito e l'avevo lasciato... e adesso?
Nessuna emozione.

Sto meravigliosamente bene.

mercoledì 12 novembre 2008

Stima...



La stima è come un fiore, che pestato una volta gravemente o appassito, mai più non ritorna.


Giacomo Leopardi




In questi giorni mi è capitato di pensare alla perdita della stima nei confronti di una persona in particolare.


Si tratta del mio capo, una donna arrogante, presuntuosa, fannullona e aggressiva.

Pronta a criticare tutto e tutti, ma incapace e furbetta.

Con questa disgrazia devo convivere professionalmente quasi ogni giorno e la situazione si fa sempre più pesante.

Non ho la minima stima, quella che avevo accordato all'inizio si è già persa per strada ad una velocità imbarazzante.


La mia capacità di sopportazione è molto limitata...


Vi è mai capitato di perdere la stima per qualcuno?

giovedì 6 novembre 2008

L'Amicizia




Si decide in fretta di essere amici, ma l'amicizia è un frutto che matura lentamente.


Aristotele



L'amicizia in effetti si origina in fretta. Basta davvero poco. Ma sarà amicizia profonda?

Le mie attuali amiche hanno in comune con me un breve passato. Molte differenze ed altrettante similitudini.

Mi piacerebbe che nell'amicizia mi trattassero e ascoltassero come io tratto e ascolto le persone a me vicine.

Che fossero presenti quanto sono presente io se c'è bisogno.

Ma non sempre quello che si desidera si avvera...

L'amicizia è quindi un frutto che matura lentamente?
Forse solo così si può contare su chi ci è accanto?


P.s.: sì, sono pessimista.

martedì 4 novembre 2008

La solitudine dei numeri primi



Sembrava che io fossi l'ultima divoratrice di libri a non aver letto La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano.

Mancanza imperdonabile!
Tutti a dire... ma non l'hai letto?
Devi farlo assolutamente.

Senza contare le citazioni, le interviste, gli articoli di giornale... ed io ancora niente.

Alla fine una mia collega l'ha acquistato.

Apro una parentesi: con i miei colleghi è iniziata questa buona abitudine di scambiarsi i libri e di metterci d'accordo in caso di nuovi acquisti, in modo da risparmiare un pò e non privarci comunque del piacere di leggere.

Così domenica sera ho iniziato la lettura e devo ammettere che questo romanzo mi ha preso dentro sin dalla prima parola.

Ad un certo punto sono stata costretta a forzarmi per chiudere il libro e spegnere la luce, ma ormai era l'una passata...

Adesso non vedo l'ora di terminarlo.

L'insonnia mi aiuterà.

domenica 2 novembre 2008

Serata tv...



Stasera serata davanti alla tv con il mio mito il Commissario Montalbano in "La vampa d'agosto", dove per la prima volta il protagonista tradisce la storica fidanzata Livia per una ragazza molto giovane.





E lui, vecchio, alluciato dalla billizza e perso darrè a quella giovintù che l’imbriacava, c’era caduto, a cinquantacinco anni sonati, come un picciliddro.

sabato 1 novembre 2008

La luce dell'Amore



Il vero amore è come una finestra illuminata in una notte buia.
Il vero amore è una quiete accesa.
Giuseppe Ungaretti



Credo anch'io che il vero Amore illumini la nostra vita, giorno dopo giorno, lasciandoci dentro calore e luce che ci riscalda e rianima.

Il vero Amore non si nutre di tensioni ma di dolce forza che proviene dal cuore.

E' stringersi le mani e sentirsi sereni.